Cookie

Usiamo i cookie per ottimizzare questo sito web e aggiornarlo continuamente a seconda delle tue preferenze. Per ulteriori informazioni sull’uso dei cookie su questo sito web, fai click sul “Pulsante Grigio”.
Se fai click su “Pulsante Verde” i cookie verranno attivati. Se non vuoi che vengano attivati, puoi escluderli  leggendo qui. I settaggi possono essere modificati in qualsiasi momento nell’area “Cookie”.

Vino e musica: un'esperienza sensoriale in Val d'Orcia sulle note di Mozart

In questo momento in cui non ci è possibile muoverci come vorremmo, voglio condividere con voi la storia incredibile del Paradiso di Frassina, una piccola azienda biologica di Montalcino fondata da Carlo Cignozzi. Carlo ha scommesso su un progetto che molti definirebbero "bizzarro" attraverso il quale voleva dimostrare gli effetti benefici della musica classica sulla vigna e sulla qualità dell'uva.

L'azienda, a conduzione famigliare, è un'azienda biologica. Il progetto è nato nel 2000 ed è stato sponsorizzato dalla multinazionale BOSE Italia che creduto all'idea di Carlo donando all'azienda numerosi diffusori. Questo progetto è stato oggetto di studio e di ricerca da parte dell'università di Firenze e di Pisa e di altre università straniere che hanno dimostrato negli ultimi vent'anni come l'esposizione costante delle piante alla musica classica di Mozart e alle vibrazioni sonore influisca positivamente sulla pianta.

Varie ricerche hanno confermato evidenza scientifica che l'effetto delle onde sonore riduce la presenza di insetti parassiti o infestanti e dunque la necessità di trattamenti chimici. Inoltre si è scoperto che i vigneti con una maggiore esposizione alle onde sonore (con tanti diffusori installati che producono musica 24 ore al giorno per 365 giorni all'anno) hanno foglie più resistenti agli agenti climatici , una migliore rendita e una maturazione più rapida di circa 2 settimane rispetto ai vigneti senza diffusori. 

Torno sempre con grande emozione in questo luogo magico che ho scoperto anni fa e che ho condiviso negli anni con amici e con altri visitatori. L'ultima volta ci sono stata a settembre poco prima della vendemmia con Niccolò e sua moglie Sonia accompagnati da una loro coppia di amici di Firenze.

Niccolò e Sonia vivono a Firenze e sono non vedenti, dirigono l'Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti Onlus di Firenze, sono amanti del buon vino e della buona cucina nonché curiosi viaggiatori.

La visita sensoriale era prevista da tempo e finalmente siamo riusciti ad organizzarla.

Quando si arriva al Paradiso tutto si ferma, la musica di Mozart suona 24 ore al giorno nei vigneti di Carlo e accoglie il visitatore introducendolo in una realtà parallela dove l'uomo e natura sono in perfetta armonia.

      

Foto di gruppo all'esterno vicino ai vigneti

Carlo ci accoglie e ci porta nei vigneti con la vista su Montalcino e ci racconta la storia di questo progetto ambizioso conosciuto più all'estero che nel nostro paese. 

E' la prima volta che vengo a settembre prima della vendemmia ed è bellissimo vedere la vigna carica di grappoli neri pronti per essere raccolti.

Carlo ci dice che la vendemmia ci sarà tra poco e quest'anno si prospetta una bella annata. Camminiamo tra i filari ascoltando la musica e godendoci questo paesaggio meraviglioso. Tutti i nostri sensi sono attivi più che mai e ci immergiamo completamente nell'esperienza.

Andiamo poi a visitare la cantina dove ci aspetta una degustazione dei vini prodotti al Paradiso: Gea, 12 Uve, Flauto Magico, Moz art wine 

Il mio preferito è il 12 Uve

Finiamo la visita felici e ci salutiamo con la promessa di ritornare in questo Paradiso durante un' altro periodo dell'anno.